Lo studio della NASA propone un modo per evitare che il super vulcano di Yellowstone distrugga gli Stati Uniti

notizia •  Visualizzazioni: 8

La NASA ritiene che il super vulcano di Yellowstone rappresenti una minaccia maggiore per la vita sulla Terra rispetto a qualsiasi asteroide. Quindi è venuto fuori un piano per disinnescare il suo potenziale esplosivo.

Il Parco Nazionale di Yellowstone è l'orgoglio degli Stati Uniti. È una natura incontaminata. È traboccante di paesaggi scenici. E le sue colorate piscine calde e geyser attirano decine di migliaia di visitatori ogni anno.

Ma sotto questa bella - ma sottile - pelle è un mostro in agguato.

Un'enorme quantità di magma si trova in alto nella crosta terrestre. È stato calcolato per contenere circa 250 miliardi di chilometri cubici di roccia fusa.

"Ero un membro del Consiglio consultivo della NASA sulla difesa planetaria che ha studiato i modi per la NASA di difendere il pianeta da asteroidi e comete", ha detto alla BBC Brian Wilcox del Jet Propulsion Laboratory (JPL) della NASA. "Sono giunto alla conclusione durante lo studio che la minaccia del super vulcano è sostanzialmente maggiore dell'asteroide o della minaccia cometa".

Ci sono circa 20 super-vulcani conosciuti sulla Terra, dice la NASA. Una grande eruzione si verifica circa una volta ogni 100.000 anni. E queste probabilità sono molto più alte di una ripetizione di un impatto della cometa che cambia la Terra del tipo che ha spazzato via i dinosauri.

Quindi la NASA ha incaricato un team di capire come prevenirlo.

IMPATTO CHE CAMBIA LA TERRA

Un super vulcano è molto diverso dalla comune concezione di alti coni di roccia e cenere che occasionalmente esplodono catastroficamente.

Invece, è un vasto spazio di crosta crollata che può coprire centinaia di chilometri quadrati. E se dovesse esplodere, non sarebbe con un botto.

Invece, vaste quantità di bruciante magma e nubi di fumi strisciavano lentamente attraverso il paesaggio - seppellendo gran parte degli Stati Uniti sotto una fitta coltre di cenere e lava.

Nel caso di Yellowstone, è sufficiente cambiare il clima del mondo per diversi secoli.

È successo prima.

Campioni di suolo hanno scoperto colate di lava lunghe centinaia di chilometri - e chilometri di spessore - da eruzioni del passato. E le cadute di cenere erano ancora più immense.

Un evento molto più piccolo in Indonesia, circa 75.000 anni fa, chiamato la catastrofe di Toba, pompò nell'atmosfera circa 4000 tonnellate di idrogeno solforato e circa 2800 chilometri cubi di ejecta. Ciò ha prodotto un inverno vulcanico globale che è durato un decennio.

Non ci si aspetta che Yellowstone scoppi presto. Sembra scoppiare all'incirca una volta ogni 700.000 anni. Il più recente è stato 640.000 anni fa, con altri eventi 1,3 milioni di anni fa e 2,1 milioni di anni fa.

Questo è molto più regolare degli impatti della cometa catastrofica.

"Quando le persone hanno inizialmente considerato l'idea di difendere la Terra da un impatto con un asteroide, hanno reagito in modo simile alla minaccia del super vulcano", ha detto Wilcox. "La gente pensava: 'Per quanto noiosi, come possono gli esseri umani possibilmente impedire a un asteroide di colpire la Terra'".

La NASA, tuttavia, ha un'idea.

SFOGARSI

I ricercatori della NASA hanno detto alla BBC di aver esplorato ciò che sarebbe necessario per evitare una catastrofe per un vulcano.

La risposta: trova un modo per raffreddare il magma.

I Supervolcanos si rovesciano solo quando la roccia fusa è abbastanza calda da diventare altamente fluida.

In uno stato leggermente più freddo, diventa più spesso. Vischiosi.

Non sta andando da nessuna parte in fretta.

Per raggiungere questo obiettivo, il team di Jet Propulsion Labs ha calcolato che un super-vulcano sull'orlo dell'eruzione avrebbe dovuto essere raffreddato del 35 per cento circa.

Propongono di farlo pizzicando la superficie del sovrano, per sfogarsi.

Ma questo di per sé comporta dei rischi.

Praticare troppo in profondità e la presa d'aria potrebbe causare una depressurizzazione esplosiva che potrebbe scatenare l'esatto tipo di eruzione che gli scienziati stavano cercando di evitare.

Invece, gli scienziati della NASA propongono un foro profondo 10 km nell'acqua idrotermale sottostante e ai lati della camera magmatica. Questi fluidi, che formano le famose pozze di calore e geyser di Yellowstone, drenano già circa il 60-70% del calore dalla camera magmatica sottostante.

La NASA propone che, in caso di emergenza, questo enorme corpo di acqua riscaldata possa essere iniettato con acqua più fredda, estraendo ancora più calore.

Ciò potrebbe impedire al magma del super vulcano di raggiungere la temperatura alla quale si sarebbe sviluppato.

Un simile progetto potrebbe costare oltre $ 3,5 miliardi. Ma non è niente come il costo di ricostruzione di scavare due terzi degli Stati Uniti continentali da sotto le montagne di cenere vulcanica.

E potrebbe persino aiutare a ripagarsi.

Il vapore dell'acqua surriscaldata potrebbe essere utilizzato per azionare le turbine di potenza.

"Pagheresti il ​​tuo investimento iniziale e otterrai energia elettrica in grado di alimentare l'area circostante per un periodo potenzialmente di decine di migliaia di anni", afferma Brian Wilcox della NASA.