ICE detiene la giovane madre del Kentucky che ha uno status legale

notizia •  Visualizzazioni: 13

La scorsa settimana, agenti di polizia di immigrazione hanno sequestrato una madre di 22 anni di due bambini piccoli e la stanno trattenendo per essere rimpatriata nonostante abbia uno status legale, ha scoperto l'Invocato.

In un caso con implicazioni nazionali, Riccy Enriquez Perdomo, 22 anni, di Florence, Ky., È stato arrestato giovedì ed è stato trattenuto in quattro luoghi diversi da allora, dicono la sua famiglia e gli avvocati.

I funzionari federali dicono che hanno intenzione di deportare Enriquez la settimana prossima, dicono i familiari. È stata trasferita nella prigione della contea di McHenry, a nord-ovest di Chicago. È l'ultima tappa per i detenuti che si trovano nel processo di deportazione in quella regione.

Enriquez, la madre sposata di due bambini, di età compresa tra 5 e 11 mesi, riceve due volte lo status giuridico attraverso il programma DACA. Altrimenti noto come Deferred Action for Childhood Arrivals, è stato creato nel 2012 attraverso un ordine esecutivo dell'allora presidente Barack Obama per fornire un sollievo temporaneo ai giovani adulti che erano stati portati illegalmente nel paese da bambini.

Enriquez ha ricevuto un permesso di lavoro tramite DACA e ha lavorato presso Amazon a Hebron, in Corea, fino alla nascita di suo figlio, Rony.

Il presidente Trump ha detto a luglio che sta combattendo con DACA e lo definisce "una decisione molto, molto difficile da fare". I sostenitori degli immigrati dicono che l'amministrazione di Trump sta ignorando incautamente le protezioni DACA e deportando loro e altri immigrati privi di documenti che non hanno commesso crimini negli Stati Uniti.

Enriquez, un cittadino dell'Honduras, aveva 9 anni quando attraversò il confine meridionale degli Stati Uniti nel 2004 con uno zio e due delle sue sorelle. Ha ricevuto lo status DACA nel 2015 e il suo rinnovo è stato approvato il 31 gennaio, secondo Don Sherman, un attivista per i diritti degli immigrati e avvocato.

In precedenza era stata sottoposta a un ordine di espulsione prima di ricevere lo stato di DACA.

Agenti con l'immigrazione e l'imposizione doganale degli Stati Uniti l'hanno arrestata giovedì a Louisville. Si era recata in un ufficio per l'immigrazione per emettere un legame con un altro immigrato che era idoneo per il rilascio. Enriquez è andato, dice la sua famiglia, perché era sicura del suo status legale.

"Hanno chiesto le sue informazioni quando ha pubblicato il legame e poi le hanno detto che non aveva il DACA", ha detto il cognato, Robert Cote.

"Abbiamo chiamato ICE a Chicago, e la persona lì ci ha detto:" Quando è arrivato Trump, DACA non esiste più. "Non potevo credere che me l'avessero detto."

Una portavoce degli affari pubblici presso l'ufficio immigrazione di Chicago ha indirizzato il ricercatore a una funzione di ricerca "detenuta" su www.ice.gov che ha funzionato male mercoledì mattina.

"Questa non è la prima volta quest'anno che l'ICE ha travisato la situazione sul DACA per diversi immigrati in tutto il paese", ha detto Sherman.

Ha detto che ha completato e archiviato i moduli DACA di Enriquez e ha confermato martedì con la U.S. Citizenship and Immigration Services di avere uno status legale in DACA.

Il suo caso è simile a quello di un ricevente DACA di 23 anni a San Diego. Martedì, un giudice federale ha detto che si stava preparando a ordinare all'amministrazione Trump di restituire Juan Manuel Montes negli Stati Uniti dal Messico.

Il giudice della Corte Distrettuale degli Stati Uniti, Gonzalo Curiel, ha dichiarato di aver bisogno di sentire direttamente da Montes. I suoi avvocati hanno detto che l'ICE lo ha deportato illegalmente a febbraio. I funzionari dell'ICE hanno affermato che Montes ha lasciato volontariamente il paese e abbandonato la sua protezione DACA.

Sotto la direzione dell'amministrazione Trump, i funzionari dell'ICE hanno affermato che "non ci sono più classi esenti o categorie di alieni rimovibili da potenziali controlli".

I membri della famiglia di Enriquez sono arrabbiati con l'ICE perché l'ha detenuta in quattro località dal suo arresto di giovedì. L'agenzia la portò prima al centro di detenzione federale della prigione della contea di Boone, nel Kentucky settentrionale, prima di trasferirsi rapidamente a Clay County, Ind., E poi a Chicago.

Sua sorella, Rita Cote, ha detto mercoledì mattina che ICE l'ha spostata di nuovo, ma non le sta dicendo dove.

"Ogni volta che abbiamo un appuntamento per vederla, ci facciamo vedere e loro ci dicono che l'hanno trasferita", ha detto il marito di Cote, Robert.

La famiglia ha un avvocato locale, Teresa Cunningham, e sta lavorando con l'ufficio del National Law Office di Los Angeles, che rappresenta anche Montes a San Diego.

I difensori ei membri della famiglia di Greater Cincinnati sono in contatto con il senatore Richard Durbin, D-Ill., Che ha introdotto la legge federale nel 2001 nota come Dream Act. Fornirebbe uno status legale temporaneo e un percorso di cittadinanza per i giovani portati illegalmente nel paese da bambini, come Enriquez.

Durbin e il senatore Lindsay Graham, R-S.C., Hanno introdotto la legislazione aggiornata sul Dream Act a luglio.

La famiglia di Enriquez sta anche cercando aiuto dai senatori dell'Ohio, dal repubblicano Rob Portman e dal democratico Sherrod Brown.

I membri della famiglia descrivono Riccy Enriquez Perdomo come un devoto cristiano che detiene servizi religiosi per un massimo di 30 persone nel suo salotto.

"Di tutte le persone, questa è l'ultima persona di cui hai bisogno di temere", ha detto Richard Cote. "Fa sempre la cosa giusta."